Droni: prolungare la durata delle batterie | Twodots
SPEDIZIONE GARANTITA ENTRO NATALE per tutti gli ordini completati entro mercoledì 19 dicembre | TRASPORTO GRATUITO PER ORDINI SUPERIORI AI 200,00€
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Come prolungare la durata della batteria del tuo drone

23/10/2018

I droni sono strumenti fantastici e affascinanti, capaci di raggiungere qualsiasi luogo e di regalarci immagini spettacolari. Peccato, però, che la loro batteria abbia una durata tanto limitata!

Se vuoi scoprire come aumentare la durata della batteria del tuo drone, per guadagnare dei minuti e farlo volare più a lungo, leggi la nostra guida sui segreti per prolungarne la durata!

 

Batterie al litio polimero: pratiche ed efficienti

La batteria è un componente hardware fondamentale per un drone. Ormai, praticamente tutti i droni montano le batterie al Litio Polimero (LiPo) che, rispetto alle vecchie batterie al nichel o al piombo, ma anche a quelle agli ioni di litio, dispongono di una tecnologia più avanzata, sono più sicure, leggere e compatte e offrono prestazioni migliori. Prestazioni che, su un drone, difficilmente riescono a superare i 30 minuti di carica.

Quando si acquista un drone, esistono, tuttavia, dei fattori da prendere in considerazione per capire quanto durerà una batteria e una serie di trucchi da mettere in atto affinché la batteria del proprio drone mantenga la carica per un tempo più lungo.

 

Quali sono i fattori che influiscono sulla durata della batteria?

Prima di scoprire come fare a ottenere un risparmio della carica della batteria del tuo drone, in modo da riuscire a farlo volare più a lungo, focalizziamoci un attimo su quei fattori che possono incidere in maniera positiva o negativa sulle prestazioni della batteria di un quadricottero, che sono:

  • capacità della batteria;
  • peso del drone;
  • condizioni atmosferiche;
  • temperatura esterna;
  • modo di volare.

 

Capacità della batteria

Uno dei dati più importanti per capire quanto possa durare è la batteria di un drone è la capacità. Quando si acquista un drone, si deve tenere conto innanzitutto della capacità nominale della sua batteria, che, solitamente, è espressa in MAh (Milliampere/ora) e si trova indicata sulla scheda tecnica del dispositivo.

Una capacità nominale più alta, significherà che la batteria è in grado di immagazzinare maggiore energia e quindi, di durare più a lungo, anche quando le condizioni non sono ottimali. Se, invece, la capacità nominale è bassa, e il drone si trova a volare in condizioni avverse, si rischia di riuscire a farlo volare davvero per pochissimo tempo.

 

Peso del drone

Uno dei fattori che influiscono maggiormente sulle prestazioni della batteria è il peso del drone. Si tratta di un fattore fisiologico, da prendere in considerazione in fase di acquisto: una batteria con una capacità nominale bassa unita a un drone piuttosto pesante, non offrirà mai prestazioni eccellenti.

Quando si considera l'acquisto di un drone, perciò, bisogna tenere conto in anticipo del rapporto tra la capacità della batteria e il peso del quadricottero. In ogni caso, come vedremo più avanti, esiste qualche accorgimento che permette di influire in maniera positiva su questo rapporto, per ridurre l'impatto del peso e favorire così una maggior durata della carica della batteria.

 

Condizioni atmosferiche e temperatura esterna

Altri due fattori che incidono sulla durata della batteria del drone sono le condizioni atmosferiche e la temperatura esterna.

Condizioni atmosferiche non ottimali, in particolare la presenza di vento, influiscono negativamente sull'autonomia della batteria del drone, che deve faticare di più per riuscire a volare e a mantenersi stabile, e che, perciò, impiegherà più energia e scaricherà la batteria più velocemente.

Anche le temperature esterne hanno un impatto sulle batterie: solitamente, sia quando fa troppo freddo, che quando fa troppo caldo, la batteria si scarica più velocemente.

 

Modo di volare

Come accade con l'autista di un'automobile, anche il modo di volare di un pilota di droni ha un impatto sul consumo di energia, e non sempre è positivo. Un pilota che spingerà il suo quadricottero sempre al massimo, accelerando e decelerando bruscamente, consumerà più energia di uno che riesce a manovrare il suo drone in maniera più fluida e lineare, senza strappi e accelerazioni improvvise.

 

Funzionalità

Maggiori sono le funzioni di cui dispone il tuo piccolo dispositivo aereo, maggiore sarà il consumo di energia: un drone wireless, che puoi collegare ad altri dispositivi tramite Wi-Fi o con una connessione bluetooth, consuma certamente di più di un drone che può essere controllato solo attraverso il suo telecomando.
 

Batteria del drone: come prolungarne la durata?

Bene, adesso che abbiamo visto quali sono i fattori che influiscono in maniera più o meno negativa sulla durata della batteria, passiamo ai consigli e ai suggerimenti che ti consentiranno di prolungare la sua autonomia.
​​​​​​​

1. Scegli una batteria con una capacità maggiore

Sia che il drone te lo sia costruito da solo, sia che tu lo abbia acquistato, se la batteria che c'è sopra è poco potente, puoi sempre sostituirla con una che abbia una maggiore potenza. Una batteria più potente garantisce infatti una maggiore durata massima della sua autonomia. Scorrendo su internet i vari siti specializzati, è possibile trovare la soluzione più adatta per il tuo dispositivo.

Tieni presente, però, che una batteria più potente, solitamente, occupa più spazio ed è anche più pesante, e quindi farà sì che il drone consumi anche più energia.
 

2. Prova a montare delle eliche di tipo diverso

Non lasciare mai niente al caso, nemmeno la grandezza delle eliche! Si tratta di un fattore che può incidere molto sulla durata effettiva dell'autonomia della batteria.

Una tipologia di eliche più grandi è adatta per essere montata su quei quadricotteri che si intende utilizzare per fare delle videoriprese e sui quali è montata una videocamera.

Se, invece, sul drone non è montata alcuna videocamera, delle eliche di dimensioni minori saranno gli accessori ideali per ottimizzare la durata della batteria.
 

3. Fai volare il drone in condizioni atmosferiche favorevoli

Per assicurarsi di ottenere il massimo dalla batteria del proprio drone, si dovrebbe volare solo quando le condizioni atmosferiche sono ottimali. Ciò significa che bisognerebbe evitare le giornate ventose e piovose, e preferire quelle soleggiate e con poco vento.

Inoltre, prima di metterti in volo, dovresti sempre assicurarti che tutte le parti vitali del tuo drone siano correttamente protette.
 

4. Mantieni bassa la velocità

Moltissimi modelli di drone, anche quelli per uso amatoriale, tra le loro impostazioni hanno diverse modalità di velocità. Per riuscire a manovrare il drone in maniera fluida e ridurre il consumo di batteria, usa sempre una velocità bassa o media.
 

5. Applica la regola del 40 - 80

In cosa consiste, di preciso, questa regola? Beh, ti ricordi che, per mantenere a lungo in buono stato e prolungare la vita della batteria bisognava lasciarla scaricare del tutto e poi ricaricarla completamente? Con le batterie al litio questa regola non vale più, perché si tratta di dispositivi che non sono più soggetti all'effetto memoria, come invece accadeva con i vecchi modelli.

Vale, invece, la regola del 40 - 80. In cosa consiste? Sostanzialmente, secondo questa regola, la carica della batteria non deve mai essere lasciata esaurire del tutto o raggiungere un livello troppo basso, né la batteria dovrà mai essere caricata al massimo. Alla lunga, infatti, questo comportamento riduce drasticamente la vita della batteria.

Il livello di carica ideale per far durare più a lungo la carica della batteria e prolungare la sua vita è circa il 30/40% quando la si deve mettere in carica e l'80% quando la si deve scollegare, una volta carica.
 

6. Monitora le prestazioni della batteria

Ormai molti droni possono essere controllati direttamente dal tablet o dalla smartphone tramite un'apposita app.

Tra le funzionalità di queste applicazioni c'è anche la capacità di monitorare lo stato di carica della batteria, mostrandolo direttamente sul display. In altri modelli di quadricottero, per controllare il livello di energia rimasto nella batteria, è sufficiente premere e rilasciare il pulsante di accensione per vedere i led che indicano la carica illuminarsi.

Anche se il tuo drone è dotato di GPS e potrebbe essere in grado di tornare alla base automaticamente una volta che la batteria stia per esaurirsi del tutto, non perdere mai di vista il livello di carica, assicurandoti di ricaricarla al momento giusto. Piuttosto, se vuoi continuare a volare indisturbato, porta con te una batteria di riserva. Potrai sempre ricaricare quella esaurita una volta giunto a casa.
 

7. Carica la batteria al momento opportuno

Come accade con molti alti dispositivi, anche quando utilizziamo un drone tendiamo a metterlo in carica non appena si scarica la batteria, e poi a riporlo nella scatola fino alla successiva sessione di volo. In realtà, per assicurarti una buona autonomia di volo, dovresti ricaricare il drone solo poche ore prima di utilizzarlo, così da ottenere il massimo dalla carica della tua batteria.
 

8. Evita il sovraccarico

Uno dei maggiori problemi, con le batterie al lito, non risiede in un livello di carica insufficiente, ma nel sovraccarico di corrente. Quando metti in carica il drone, non devi lasciarcelo per troppe ore, quindi evita di ricaricarlo durante la notte, e tieni sempre d'occhio la luminosità degli indicatori di carica. Tra i problemi di sicurezza che si possono riscontrare se una batteria al lito viene sovraccaricata c'è anche l'esplosione.

Tieni presente che i tempi di ricarica variano a seconda che utilizzi il caricabatterie o il computer: il tempo di ricarica collegando il drone al pc attraverso la porta USB è più alto rispetto a quando lo si collega a una presa di corrente tramite apposito caricabatterie.
 

9. Usa il caricabatteria giusto

Per caricare la batteria del tuo drone utilizza sempre il caricabatteria più adattoda collegare alla corrente elettrica.

Se ne viene fornito uno in dotazione con il quadricottero puoi utilizzare quello, senza alcun problema. Se, invece, il tuo drone è sprovvisto di caricabatterie, non affidarti a un modello universale, ma acquistane uno con le giuste specifiche.
 

10. Togli la videocamera

Chiediti sempre se nella sessione di volo che stai per svolgere dovrai girare dei video o scattare delle foto. Perché? Per ottenere un risparmio energetico sulla carica della batteria del tuo drone, puoi valutare, di volta in volta, se ci sia bisogno o meno di utilizzare la videocamera. Questo dispositivo, infatti, oltre a rendere più pesante il tuo drone, potrebbe utilizzare l'energia della batteria dello stesso quadricottero per funzionare. Se la videocamera è integrata, puoi sempre spegnerla utilizzando l'apposito tasto o i comandi presenti sullo schermo del dispositivo che usi per manovrarlo.
​​​​​​​

​​​​​​​11. Rispetta le istruzioni del produttore

Ogni drone arriva corredato da un libretto di istruzioni in cui sono fornite le indicazioni per caricare la batteria al meglio e in sicurezza. Già prestando attenzione a queste istruzioni, si può ottenere molto dalla batteria del proprio quadricottero:

  • utilizza sempre il cavo usb o il caricabatterie fornito in dotazione;
  • ricorda di spegnere sempre il drone prima di scollegare la batteria;
  • esegui sempre un controllo della batteria, per assicurarti che non sia gonfia o danneggiata;
  • lascia raffreddare la batteria prima di metterla sotto carica.

Eccoci arrivati alla fine: speriamo che i nostri consigli sui modi per prolungare la durata della batteria del tuo drone ti siano stati utili!



Qualità garantita
soddisfatti o rimborsati
Pagamento sicuro
diverse modalità disponibili