SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI A 250,00€
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

I 5 Migliori Giochi di Rally su PS4

08/10/2018

La velocità e l’adrenalina che solo la guida può dare, quello spingere sull’acceleratore che ci fa volare e la voglia di una sfida coinvolgente per metterci alla prova con altri avversari, almeno nel mondo virtuale.

È questo quello che state cercando, vero?

Bene, oggi passeremo in rassegna i 5 migliori giochi per PS4 da corsa disponibili sul mercato. Grazie a questa recensione riuscirete, finalmente, a capire quale sia la “strada” giusta per voi: sterrata o di città? Quali sono i percorsi più tortuosi che rendono l’esperienza di gioco davvero indimenticabile? E qual è lo stile di guida che più vi si addice?

Scopriamolo insieme nella classifica dei top5… READY, STEADY, GO!


1) Onrush – un rivoluzionario arcade game a squadre

Onrush è capace di regalare un’esperienza di gioco semplicemente esplosiva, fidatevi, perché riuscirà a convincere anche gli appassionati più difficili da soddisfare del mondo gaming.

Già dal concept del videogioco si intuisce che si punta tutto sull’esperienza da fornire al pilota, infatti, particolarità unica è data dal fatto che in questo rally non c’è un traguardo. Da segnalare, inoltre, che in Onrush si predilige il lavoro di squadra piuttosto che il singolo – e questo lo si capisce anche dalle modalità di gioco disponibili il cui fil rouge è proprio questa preferenza (di cui vi parleremo a breve).

La scelta dei tracciati merita un “pollice all’insù”: lontani dall’essere i soliti e noiosi rettilinei, dal design ineccepibile, queste piste sono fatte talmente tanto bene che si riesce a distinguere una scorciatoia da un vicolo cieco.

Inoltre, due modalità grafiche: una che premia la definizione e l’altra la fluidità. Quest’ultima viene consigliata, oltre che essere settata di default, in quanto i 60 fps garantiscono un effetto a rallentatore che si riesce a gustare soprattutto durante gli impatti; se siete amanti dell’HD non verrete comunque delusi: esiste anche questa versione.

Intuitivo nell’utilizzo, non ci si mette molto a prendere confidenza con i comandi e con la filosofia che si “nasconde” dietro. Utilissimo, comunque, la mini demo che accoglie il giocatore, durante il quale viene lasciato il tempo di fare pratica con i comandi.

Per quanto riguarda invece le modalità di gara, sono 4:

  • Overdrive. In Overdrive, in un certo qual modo, viene premiata l’intesa e l’armonia di gioco tra i giocatori: si guadagnano punti aggiuntivi quando più giocatori, contemporaneamente, utilizzano il boost. La velocità è un altro fattore che contribuisce a rendere adrenalinica questa modalità: non scendete mai sotto i 200 km/h!
  • Countdown. In Countdown, come viene suggerito dal nome, la sfida principale è contro il tempo: l’attraversamento di varchi consente di ottenere dei secondi di gioco preziosissimi: permettono alla propria squadra di non perdere. State molto attenti al contatore che non deve mai toccare lo zero, perché? Pena la sconfitta!
  • Switch. In Switch lo scopo è quello di far fuori gli avversari e ad ogni fuori pista il gioco ti fa cambiare automaticamente le auto per rendere la competizione ancora più caotica e imprevedibile (questo dettaglio non è da poco: ogni vettura, infatti, ha le proprie caratteristiche e, in questa modalità, viene data la possibilità di testarle tutte).
  • Lockdown. In Lockdown bisogna, invece, mantenere il controllo di un’area che è in perenne movimento: gli avversari che man mano si avvicinano alla nostra zona devono essere mandati fuori pista.

Da segnalare, infine, una modalità Superstar, giocabile solo online in cooperativa con gli amici.

Ricapitolando ci è piaciuto perché:

  • È un videogioco dalla personalità unica ed esplosiva.
  • La scelta musicale fa venire i brividi (inoltre, cambia al cambiare della prestazione del giocatore).
  • La grafica è assolutamente impeccabile.
  • La guida arcade a squadre viene rivista e stravolta.

Da migliorare i seguenti aspetti:

  • È carente dal punto di vista delle personalizzazioni – i piloti non sono ben definiti.
  • Carente nei contenuti.

Consigliato per voi

Per rendere la vostra esperienza assolutamente unica provate l’Universal Pro Driving Simulator, il miglior simulatore universale regolabile, che vi farà dimenticare di essere sul divano di casa per lanciarvi direttamente, e a tutta velocità, nella gara, rendendo il gioco ancora più realistico tra i giochi di guida.


>2) Need for Speed Payback – la vendetta in stile Fast and Furious
 

La novità della fortunata serie di Need for Speed (come dimenticarsi il successo di Need for Speed: V-Rally?) è arrivata e approdata sul mercato e si intitola Need For Speed Payback, ovvero vendetta.

L’open world, molto vasto, prende diretta ispirazione dai famosi film di Fast and Furious, e qui vogliamo ricordarvi che l’incursione nel mondo cinematografico è stato provato dalla stessa serie di NFS, che ha provato a sbancare il botteghino con l’omonimo film del 2004.

Per rendere ancora più realistico il gameplay, la software house che ha sviluppato il rally game, ha voluto aggiungere gare, fughe, inseguimenti e corse clandestine che rendono questo gioco adrenalinico al massimo.

Ambientato in una location immaginaria, chiamata Fortune Valley – che trae libera ispirazione da Las Vegas – il compito principale dei tre protagonisti (Tyler il pilota; Mac l’attore e Jess la Guida) è quello di vendicarsi di un gruppo della criminalità organizzata localechiamata La Loggia che ha in mano il controllo dell’intera città (dai casinò alla polizia). La missione principale è accompagnata da una serie di missioni secondarie che vi faranno, letteralmente, sfasciare la vettura senza mai farvi perdere la potenzialità della stessa!

La selezione di vetture è ampia, ce ne sono 78 per essere precisi. Ma si parte sempre dal basso per arrivare in alto: le nuove macchine, le customizzazioni e le Speed Card (ovvero i potenziamenti che vengono messi a disposizione per aumentare le prestazioni e il punteggio del vostro bolide) si pagano. Come? Ve lo ricordate Gran Turismo, vero? Ecco, il principio è lo stesso: bisogna gareggiare e basta, lasciate perdere i trucchi che trovate su internet e fate attenzione, però, che quando si perde si perde tutto – questi sono i due consigli principali.

Il gioco è prevalentemente single-player, la modalità multigiocatore è totalmente assente di fatti, ma non preoccupatevi il giocatore potrà comunque godersi il mondo offerto da questo racing game che è talmente tanto vasto da non fargli sentire la mancanza di un compagno di avventura.

È giunto il momento di tirare le somme, Need for Speed Payback ci piace in quanto:

  • L’open world è assolutamente ben sviluppato.
  • La grafica è sviluppata egregiamente.
  • Le vetture sono molte, e le personalizzazioni sono da jaw-dropping.

Da migliorare, invece, altri aspetti:

  • I personaggi non sono molto originali.
  • Le conversazioni tra i personaggi sono scadenti e banali
  • Manca la visuale dall’interno.

Consigliato per voi

Immergiti completamente nell’avventura di Tayler, Mac e Jess: le cuffie Tornado 2.0 dai rivestimenti in pelle molto raffinati e con regolazione del volume da remoto consentono di avere una resa del suono perfetta, soprattutto mentre giochi a NFS Payback, i cui brani, particolarmente ricercati della colonna sonora, sono spettacolari.


3) Dirt 4 – il rally “sporco” che punta all’esperienza realistica

Dal sistema di guida super-realistico, ecco cosa ci piace in questo gioco di rally per console Sony, Dirt 4: la sensibilità dei comandi ti fa rimpiangere di aver commesso quel piccolo errore che ti ha mandato fuori pista. L’esperienza da donare al giocatore è così modulata: Giocatore e Simulazione (intercambiabili anche durante il gioco). Giocatore è l’assoluta novità del gioco anche per la qualità di riproduzione della guida e dei comandi, che come abbiamo detto prima, sono super realistici.

Lo scopo del gioco è quello di “educare” il giocatore al rally; sei sono le modalità, infatti, che conducono ad un livello sempre più crescente di difficoltà. Le sei modalità sono: Carriera, Competizione, Multigiocatore, Gioco Libero, Dirt Academy e Asso al Volante. Prerogativa di Gioco Libero e Your Stage è quella di plasmare le piste a vostro piacimento (dalla difficoltà alla lunghezza del tracciato, alle condizioni meteo, e anche se gareggiare di giorno o di notte) senza che ne venga mai penalizzata la giocabilità. Sono consigliati RallyCross e Land Rush che vanno dritte all’animo del rally “sporco”, dove la gara prende vita grazie a derapate, scontri diretti con i propri avversari e sportellate che danno adrenalina al controllo del volante. I guadagni alla fine dei campionati sono assicurati, utili per modificare la propria auto e sbloccare alcuni percorsi.

L’esperienza vera e propria si accerchia attorno al rally nudo e crudo anche perché l’offerta delle ambientazioni rimane scarsa e in modalità carriera le gare proposte sono giochi di corse che non presentano nessuna connessione tra di loro, e che sono poco approfondite e studiate – anche se sono perfettamente bilanciate dal punto di vista dello sviluppo del grado di difficoltà.

Non si ritrova la stessa ricercatezza delle autovetture (che ricordiamo in titoli come Project Cars) nelle ambientazioni che sono poco varie e dal design non curatissimo, rimanendo forse un po’ troppo attaccati alle ambientazioni old-school. Riesce a mitigare un po’ questa pecca il generatore casuale dei tracciati che è da provare assolutamente e riesce a rompere la monotonia dei 5 tracciati proposti.

Da sottolineare è il fatto che Dirt Rally è disponibile per PlayStation VR, l’aggiornamento software per VR è disponibile in versione digitale ad un prezzo record, 12,99 euro. Con la realtà aumentata le prestazioni e le sensazioni che questo rally game potrà regalarvi superano qualsiasi aspettativa.

Ci è piaciuto per:

  • Le due modalità Giocatore e Simulatore.
  • Il livello di difficoltà in crescendo che nella modalità carriera è bilanciato.
  • Modello di guida impeccabile.
  • L’audio dei motori rombanti è molto realistico.

Pensiamo debbano essere migliorati questi aspetti:

  • La grafica, in alcuni punti, lascia a desiderare.
  • Le attività secondarie lasciano il tempo che trovano.
  • I tracciati proposti non sono molto vari.

Consigliato per voi

L’Universal Pro Driving Seat è l’accessorio che vi permette di ricreare una vera postazione di guida per la simulazione. Pensato per ospitare anche volanti e cambio separato. Dimenticatevi di essere seduti sul divano di casa per vivere un’esperienza realistica al 100%.


4) WRC 7 – World Rally Championship: il rally con la licenza ufficiale

WRC 7 è arrivato come Babbo Natale: carico di regali per gli appassionati di giochi di auto con 60 tracciati, 13 rally e una scelta di veicoli consistente. Rispetto al titolo precedente non è un semplice upgrade ma un vero e proprio rifacimento; inoltre si fa forte della licenza ufficiale.

La modalità carriera è stata ampliamente sviluppata con diversi obiettivi nelle gare (piazzamento nelle gare, miglior prestazione rispetto ad un rivale diretto, miglior tempo etc.). È importante calibrare molto bene la modalità di gioco: se scegliete quella pro, il tempo a disposizione per sistemare la macchina tra le gare non vi basterà. Una piccola pecca da segnalare qui: la resa grafica delle ammaccature non è il massimo. Rispetto alle altre piattaforme, comunque, la resa migliore viene sicuramente data sulla PS4.

Il rendimento dell’esperienza di guida viene reso in modo molto realista in base alla pista che si sta percorrendo sia essa sterrata, asfaltata o di ghiaia – la vettura risponde diversamente a ogni tipo di tracciato. L’esperienza di questo rally game è, quindi, totalmente incentrata sulla vera e propria prova di guida, data dal focus sul pilota.

Pro:

  • La resa delle vetture è buona, anzi ottima.
  • La licenza ufficiale c’è e si fa sentire.

Contro:

  • Alcune sbavature a livello tecnico che sono da rivedere.
  • La voce del copilota: da cambiare (troppo meccanica, diventa persino fastidiosa in alcuni momenti concitati del gioco).


5) All-star Fruit Racing – Racing game con i Go-Kart tutto da gustare

A conclusione di questa classifica, ultimo ma non per importanza, vi parliamo di un rally dal design goloso che rinuncia al realismo per lanciarsi in una dimensione fatta di… Frutta!

Eh sì avete letto bene, il gioco disponibile anche per la piattaforma PlayStation 4, vi farà viaggiare su piste (ospitate in 5 isole, con 21 tracciati in totale) coloratissime e gustosissime, disseminate di frutta. Cercate di raccogliere più frutta possibile, ma soprattutto divertitevi a scoprire i diversi poteri che ogni frutto vi farà guadagnare, un esempio? I kiwi vi permetteranno di superare gli avversari grazie all’accelerazione, altri invece vi faranno sparare palle di neve, altre ancora rilasciare una sostanza vischiosa e così via…

In generale, il mondo e il tema di questo race sono stati sviluppati in modo certosino. I personaggi sono tantissimi (tutte ragazze): 22 ispirate alla frutta – dall’abbigliamento alla macchina fino ai super poteri, che sono tanti e tutti diversi. Un esempio: il missile ananas di Anny e il cocco di Cora che diventa una palla da bowling (Cocostrike) e fa fuori gli avversari (da notare anche i nomi). C’è di più: la possibilità di combinare i super poteri, grazie alla raccolta dei succhi di frutta che andranno a riempire i 4 serbatoi del Juicer.

I kart, ovvero i Juicer, sono, oltre che ispirati alla frutta come abbiamo già detto, interamente personalizzabili: intelaiatura, ruote, antenne e design, fornendo un numero (quasi) infinito di combinazioni.

Le modalità di gioco sono molteplici: dal giocatore singolo al multigiocatore (potete invitare fino a 4 amici) a quella online che vi permette di scontrarvi con sette avversari. Quindi non ci resta che augurarvi… A tutta frutta!

Ricapitolando, ci piace perché:

  • Le personalizzazioni sono innumerevoli e sviluppate intorno al tema principale: dai kart ai personaggi ai nomi tutto è molto “fruttoso”.
  • Il livello tecnico e il design sono quasi perfetti.
  • Molte modalità di gioco.

Da rivedere:

  • I tracciati non sono stati sviluppati a dovere (a lungo andare questo potrebbe penalizzare l’esperienza del giocatore e risultare un po’ noiosa).
  • La colonna sonora e l’audio non sono stati curati a fondo (l’audio in alcuni punti è un po’ caotico).

Consigliato per voi

Volete condividere la vostra esperienza di gioco con i vostri amici, ma non avete abbastanza controller? Il Pro Power Pad 4 è proprio quello che fa al caso vostro: con vibrazione e luce LED vi permette di giocare in modalità multiplayer! Il divertimento è, comunque, assicurato.



Qualità garantita
soddisfatti o rimborsati
Pagamento sicuro
diverse modalità disponibili